Picoturbina miniturbina idroelettrica Pelton
ENERGIE
 RINNOVABILI

  • L'alimentazione tramite energie rinnovabili consente l'utilizzo della nostra strumentazione anche in tutti gli ambienti privi di rete elettrica 220 VAC.
  • Con un opportuno dimensionamento del sistema fotovoltaico, idroelettrico oppure eolico, sarà possibile produrre un quantitativo di energia elettrica tale da poter soddisfare il fabbisogno energetico delle apparecchiature di dosaggio e controllo, stoccando il surplus energetico in speciali accumulatori specificatamente progettati per questo utilizzo.
  • Grazie al basso consumo elettrico dei nostri apparecchi, potrete utilizzare l’energia elettrica fornita dai dalle fonti rinnovabili anche per illuminare l’eventuale locale tecnico che ospita la nostra strumentazione.
  • Utilizzando un inverter, sarà possibile trasformare l'energia prodotta dalle fonti rinnovabili in corrente elettrica 220 VAC.





MODELLI



Pannelli fotovoltaici regolatore di carica RECA
SISTEMI FOTOVOLTAICI

  • Tutti i moduli fotovoltaici sono ad alta densità di potenza, ottenuta grazie ad avanzati processi di fabbricazione ed a celle ad alta efficienza in silicio monocristallino.
  • Grazie alla versatilità che caratterizza tutti i moduli, essi sono molto apprezzati ed utilizzati per rendere autonoma l’alimentazione degli strumenti per il trattamento delle acque, anche in assenza di rete elettrica.
  • Un sistema di alimentazione fotovoltaica è costituto da:

Pannelli fotovoltaici
PANNELLO
 FOTOVOLTAICO

  • Il funzionamento dei dispositivi fotovoltaici si basa sulla capacità che hanno alcuni materiali semiconduttori, tra i quali il silicio, di convertire l’energia della radiazione solare in energia elettrica.
    Il modulo fotovoltaico è composto da un numero variabile di celle fotovoltaiche singole affiancate, unite elettricamente e fissate attraverso particolari materiali ad una o più lastre di vetro e poste in una cornice in alluminio, al fine di fornire robustezza, maneggiabilità ed, ovviamente, isolamento dagli agenti atmosferici.
    Il pannello fotovoltaico può essere installato su un supporto in alluminio, inclinato in modo tale da garantire una corretta esposizione del panello stesso alla luce solare, può essere istallato su un palo verticale oppure può essere fissato su un tetto spiovente.




Regolatore di carica fotovoltaica
REGOLATORE
 DI CARICA

  • Il pannello fotovoltaico sarà collegato elettricamente ad un regolatore di carica; contrariamente a quanto si è soliti pensare, la batteria non è completamente caricata quando viene raggiunta la tensione finale di carica, per cui il flusso di corrente non dovrebbe essere interrotto. Continuando a tenere l’accumulatore sotto carica, lo stesso inizierà a riscaldarsi, causando la formazione di un gas che, a lungo andare, porta ad un consumo dell’elettrolita e, di conseguenza, ad un danno irreversibile della batteria.
    Il regolatore di carica, pertanto, provvederà a ridurre progressivamente il flusso di corrente nella batteria, tanto quanto basta per non superare la tensione finale di carica ed evitare il danneggiamento dell'accumulatore.
    Alcuni strumenti sono dotati di regolatore di carica interno, per poter ricaricare correttamente un accumulatore esterno tramite pannello fotovoltaico, in grado di alimentare la strumentazione stessa in assenza di rete elettrica 220 VAC; per la strumentazione non dotata di tale sistema interno, è possibile utilizzare un regolatore di carica esterno.
  • Durante il normale funzionamento, invia tutta la corrente prodotta dai pannelli fotovoltaici alla batteria da caricare.
  • Non appena la batteria raggiunge la tensione di fine carica, il regolatore inizia a ridurre la corrente erogata dai pannelli, in modo tale da mantenere sempre la batteria a tensione costante, fino al raggiungimento del 100% della carica.
  • Se durante questa fase di carica viene collegata un’utenza, il regolatore permette il passaggio di una quantità maggiore di corrente, consentendo ai pannelli fotovoltaici di alimentare l’utenza e di mantenere sempre costante la tensione dell'accumulatore di corrente elettrica.


Batteria AGM accumulatore di corrente elettrica
ACCUMULATORE
 CORRENTE

  • L'accumulatore di corrente di tipo AGM ( Absorbed Glass Mat ), una batteria al piombo-acido nel quale l’elettrolita è assorbito in separatori costituiti da una massa spugnosa in fibra di vetro.
    La condizione dell’elettrolita, il contenitore sigillato usando delle speciali valvole a pressione e la reazione chimica interna a “ricombinazione” ( VRLA ) che minimizza la fuoruscita di gas tipica dell’elettrolita liquido ( soprattutto quando viene sottoposto a intensi cicli di carica-scarica ) rendono tali accumulatori, realmente senza manutenzione, immuni dal rischio di sversamento accidentale dell’acido liquido, adatti ad installazioni in prossimità di persone e di apparati elettronici.













Picoturbina Miniturbina Idroelettrica Pelton
SISTEMA
 IDROELETTRICO

  • Le nostre picoturbine idroelettriche vengono impiegate per la ricarica delle batterie, utilizzate a loro volta per alimentare gli strumenti per il trattamento delle acque e quant’altro necessità di alimentazione elettrica, compatibilmente con la quantità di corrente elettrica prodotta dalla turbina stessa.
  • Possono essere utilizzate anche in abbinamento ad un impianto fotovoltaico.
  • Un sistema di alimentazione idroelettrica è costituto da:

Picoturbina miniturbina idroelettrica
PICOTURBINA
 IDROELETTRICA

  • Realizzata in materiali adatti per il contatto con acqua potabile e completa di elettrovalvola di risparmio dell’acqua, da installarsi sopra la vasca di carico.
    La pressione presente nella tubazione dell'acqua fa ruotare una turbina che, a sua volta, mette in movimento un piccolo generatore elettrico in grado di caricare, tramite un controllore di carica.
  • Disponibile in tre modelli:


  • SMALL
  • La picoturbina è in grado di caricare una batteria da 12 VDC oppure 2 batterie disposte in serie per generare 24 VDC.
    Al raggiungimento del livello di fine carica delle batterie, il regolatore di carica interromperà la produzione di energia elettrica, comandando la chiusura dell'elettrovalvola, la quale bloccherà l'afflusso di acqua alla picoturbina; quando la tensione delle batterie scenderà, l'elettrovalvola verrà riattivata e riprenderà la carica delle batterie.

  • Picoturbina miniturbina idroelettrica
    PRESTAZIONI
    PRESSIONE ( atm ) 2 3 4 5 6
    QUANTITA' ( lt / min ) 23 28 32 36 39
    ENERGIA GIORNALIERA ( Wh ) 300 600 900 1.400 1.800
    DIMENSIONI ( mm L x P x h ) 240 x 240 x 250
    PESO ( Kg ) 7

  • LARGE
  • La picoturbina è in grado di generare corrente elettrica 24 VDC oppure 48 VDC.
    Una volta raggiunta la carica completa delle batterie, l'elettronica di controllo indirizzerà la corrente in eccesso verso una carico zavorra.

  • Picoturbina miniturbina idroelettrica
    PRESTAZIONI
    PRESSIONE ( atm ) 2 2,5 3,5 4,5 5,5 6,5 7,5
    QUANTITA' ( lt / sec ) 0,95 1,05 1,25 1,4 1,6 1,7 1,9
    ENERGIA GIORNALIERA ( KWh ) 1,68 2,4 4,32 6,48 8,08 11,52 14,4
    DIMENSIONI ( mm L x P x h ) 400 x 400 x 400
    PESO ( Kg ) 15

  • EXTRA
  • La picoturbina è in grado di generare corrente elettrica 220 VAC 50 Hz / 60 Hz.
    La frequenza dell'energia erogata è tenuta stabile da un regolatore elettronico che modula in modo opportuno una resistenza-zavorra fornita a corredo con apposito box.

  • Picoturbina miniturbina idroelettrica
    PRESTAZIONI
    PRESSIONE ( atm ) 5 6 7 8 9,5 10,5 12
    QUANTITA' ( lt / sec ) 4,5 4 3,3 2,9 2,5 2,2 2
    ENERGIA GIORNALIERA ( KWh ) 30
    DIMENSIONI ( mm L x P x h ) 560 x 560 x 600
    PESO ( Kg ) 25


Regolatore di carica per picoturbina miniturbina idroelettrica
REGOLATORE
 DI CARICA

  • Il regolatore di carica, da installare in ambiente asciutto ed in prossimità delle batterie, è contenuto in un box con attacco DIN; è dotato di uno pannello a LED che indica il livello di carica residua nelle batterie. Il regolatore segnala, inoltre, tramite un contatto, il momento in cui la tensione delle batterie scende sotto il valore limite: la segnalazione avviene interrompendo l'erogazione della corrente elettrica; l'erogazione sarà ripresa quando la tensione delle batterie sarà sufficiente. Utilizzando la picoturbina large, vengono utilizzati un inverter, uno stabilizzatore di corrente ed un carico-zavorra per regolare la produzione di energia elettrica 220 VAC.


Batteria AGM accumulatore di corrente elettrica
ACCUMULATORE
 CORRENTE

  • L'accumulatore di corrente di tipo AGM ( Absorbed Glass Mat ), una batteria al piombo-acido nel quale l’elettrolita è assorbito in separatori costituiti da una massa spugnosa in fibra di vetro.
    La condizione dell’elettrolita, il contenitore sigillato usando delle speciali valvole a pressione e la reazione chimica interna a “ricombinazione” ( VRLA ) che minimizza la fuoruscita di gas tipica dell’elettrolita liquido ( soprattutto quando viene sottoposto a intensi cicli di carica-scarica ) rendono tali accumulatori, realmente senza manutenzione, immuni dal rischio di sversamento accidentale dell’acido liquido, adatti ad installazioni in prossimità di persone e di apparati elettronici.













Generatori Eolici
SISTEMA
 EOLICO

  • I nostri generatori eolici vengono impiegati per la ricarica delle batterie, utilizzate a loro volta per alimentare gli strumenti per il trattamento delle acque e quant’altro necessità di alimentazione elettrica, compatibilmente con la quantità di corrente elettrica prodotta dal generatore stesso.
    Sono disponibili varie tipologie di generatori eolici, dal modello più piccolo, capace di generare corrente elettrica con appena 8 km/h di vento, fino ai generatori con rotori da 4 m di diametro, capaci di produrre svariate centinaia di kW al mese.
    Tutti i generatori eolici possono produrre corrente elettrica 12/24/48 VDC.

Generatore Eolico
GENERATORI
 EOLICI

  • Un generatore eolico sfrutta il vento per mettere in movimento un rotore che produce corrente elettrica a 12 VDC, 24 VDC oppure 48 VDC. Utilizzando generatori con rotori di dimensioni generose, unitamente ad inverter, sarà possibile produrre anche energia elettrica 220 VAC.
    Permettono di iniziare a produrre corrente elettrica con appena 8 km/h di vento.




Regolatore di carica per generatore eolico
REGOLATORE
 DI CARICA

  • Il generatore eolico sarà collegato elettricamente ad un regolatore di carica che regolerà la produzione e l'accumulo di corrente elettrica; contrariamente a quanto si è soliti pensare, la batteria non è completamente caricata quando viene raggiunta la tensione finale di carica, per cui il flusso di corrente non dovrebbe essere interrotto.
    Continuando a tenere l’accumulatore sotto carica, lo stesso inizierà a riscaldarsi, causando la formazione di un gas che, a lungo andare, porta ad un consumo dell’elettrolita e, di conseguenza, ad un danno irreversibile della batteria.
    Il regolatore di carica, pertanto, provvederà a ridurre progressivamente il flusso di corrente nella batteria, tanto quanto basta per non superare la tensione finale di carica e per evitare la formazione del gas di cui abbiamo precedentemente detto.


Batteria AGM accumulatore di corrente elettrica
ACCUMULATORE
 CORRENTE

  • L'accumulatore di corrente di tipo AGM ( Absorbed Glass Mat ), una batteria al piombo-acido nel quale l’elettrolita è assorbito in separatori costituiti da una massa spugnosa in fibra di vetro.
    La condizione dell’elettrolita, il contenitore sigillato usando delle speciali valvole a pressione e la reazione chimica interna a “ricombinazione” ( VRLA ) che minimizza la fuoruscita di gas tipica dell’elettrolita liquido ( soprattutto quando viene sottoposto a intensi cicli di carica-scarica ) rendono tali accumulatori, realmente senza manutenzione, immuni dal rischio di sversamento accidentale dell’acido liquido, adatti ad installazioni in prossimità di persone e di apparati elettronici.